giovedì 4 dicembre 2014

IMPRECARE


Una mia amica scrisse poco tempo fa: "Uh Mi Signur! O come dicono gli anglofoni...Oh My God!!!!"

Io risposi: gli anglofoni per bene dicono "Oh my Gosh", da cui l'esclamazione tipica di Pippo: "Gosh!".

A ben pensarci, lo diceva anche Robin nelle vecchie serie: "Gosh, Batman!", e tipicamente egli accompagnava l'esclamazione battendo il pugno chiuso nel palmo dell'altra mano.
Queste forme verbali si usano perché non si pronuncia il nome di Colui Che Non Si Può Nominare Invano (n.d.r. non si tratta nè dell'Innominato di manzoniana memoria, nè di Voldemort).

Noi normali (cioè non facenti parte dei gruppi di stramboidi che obbediscono alle voci di amici immaginari, credono a tipi trini che risorgono, assassinano bimbi infedeli sperando in vergini premio, temono entità soprannaturali che puniscono l'impepata di cozze) non ci formalizziamo troppo su queste cose.

E' l'equivalente del nostro piemontese "zio fanale", figura retorica (contraria alla "contrazione", ma di cui non conosco li nome, dovessi inventarla butterei lì  "estensione") che sta per "zio fa", deformazione di "dio fa" (da cui diverse vecchie battute anni ottanta, tra cui "dio fa, la madonna disfa", ed il Capolavoro "Dio Fa, l'Unico Dio al Laim dei Caraibi"), a sua volta contrazione di "dio faus" (cioè "dio falso", lo dico per i napuli sotto Pino Torinese (compreso, in quanto a sud del Po), i Singher a est di Settimo (compreso), ed i Franseis sopra Caselle (compresa) e a sinistra di Rivoli (compreso).

Ripensando a un compleanno di mio figlio alle elementari, la tipa che gestiva la "Piccola Disney" dove organizzammo la festa, quella giostrina  (ora chiusa) che stava nei giardini davanti al palazzo di giustizia e che molti ricorderanno (soprattutto gli stronzi della SIAE che, sono sicuro, non sono mai riusciti a spillare alla tizia neanche un quattrino) diceva sempre "Dinciupatata!", che secondo me, per assonanza, a ben guardare era una bestemiuzza pure quella.

LA DOMANDA FONDAMENTALE

Quale formulazione è praticamente utilizzabile per imprecare in modo politicamente corretto, senza urtare la sensibilità di nessuno?

Federico, un mio amico, bravissimo professionista della grafica animata 3D (www.visualink.it, Fede sia chiaro che a me viene il 5% di commissione, fatturabile), usa abitualmente "astio e disappunto", espressione che trovo molto divertente, originale e segno di di grande capacità creativa (Fede, adesso siamo saliti al 6%).

Il grande Chef Mario Sobbia, sommo maestro di infiniti cuochi di fama, di cui mi onoro di essere stato, e spero di poter essere nuovamente in futuro, un pur indegno discepolo (non scherzo, la mia non è falsa umiltà ma semplice consapevolezza sia dei miei limiti sia della sua bravura) usa spesso questa curiosa espressione "Vitaccia cavallina!", che in realtà è una simpaticissima frase che proviene da un vecchio Carosello .

Il bello dell'imprecazione perfetta è che non offende nessuno.

Ci è andata vicino Nonna Papera con "Numi dell'Olimpo!", ma è pur sempre un riferimento a divinità quantunque arcaiche, e qualche panteista potrebbe aversene a male (n.d.r. so perfettamente che "panteista" ha un significato differente, ma "per i più" la cosa potrebbe essere esplicativa).

(Per un inciso che più inciso non si può, se qualcuno ricorda una vecchia pubblicità della ditta SAME (via Algarotti 10 Milano, mi è rimasto impresso) forse già nel triste periodo della decadente associazione con la Govj Import, dove compariva l'espressione "per i più", gli offro una pizza. Va da se che conto sulla vostra onestà nel non Googleare. Voglio favorirvi, la frase era "Per i più, basterà sapere che...", inoltre si parlava di diodi e di transistor. Voglio strafare, ma a 'sto punto per la pizza facciamo alla romana: "la meravigliosa sensazione di tovarsi al centro dell'orchestra"... ho trovato  un link a uno scan da me realizzato qualche anno fa, uploadato e a quanto vedo copiato altrove:
http://www.claudiocostantini.it/ricordi/index.asp?index=Pubblic ...per inciso a me gratifica se i link cazzari della memoria vengono ripresi e copiati e riprodotti, vuol dire che il meccanismo funziona e che quello che ho fatto non è andato sprecato!).

Dove voglio arrivare? A trovare l'imprecazione perfetta, quella cioè che pur avendo una connotazione negativa non riesce a offendere assolutamente nessuno.

Dopo "Vitaccia cavallina" il meglio che mi è venuto in mente è un'espressione di Svicolone, personaggio dei cartoni animati Hanna & Barbera degli anni sessanta, che oltre all'indimenticabile tormentone "svicolo a tutta mancina, perfino!" sparava spesso un mitico "Accidenti al monocarpo!"...non  ho reperito la dizione in lingua originale, ma tanto di capello allo sconosciuto traduttore!

"[mono-; gr. karpos = frutto] (monocarpous) È detto di un ovario e di un frutto formato da un solo carpello"

Sono veramente le due imprecazioni più soft che esistano in assoluto, o a qualcuno di voi ne viene in mente una migliore?

6 commenti:

  1. Noi seguaci della vera fede non abbiamo imprecazioni di sorta. Solo espressioni di gioia e consapevolezza per il Prodigioso, sempre sia condito, RAmen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Egli, l'Immenso FSM ha toccato Giorgio con le sue sugose appendici, dettandogli in sogno codesto magnifico articolo! Sicuramente dopo ampie libagioni, vero Giorgio?
      La peggior imprecazione che mi viene in mente, come seguace di FSM, è "accipicchia". Sempre egli sia condito, RAmen!
      (poi, su SecondLife sono un carriettiere livornese)

      Elimina
  2. Un mio collega usava dire "mondo povero!", sicuramente molto meno affascinante del monocarpo!

    RispondiElimina
  3. perdindirindina , mi pare congrua, anche se sono legato alla mia infanzia e a quel Per mille laparatomie, che lascio a voi indovinare a quale personaggio dei fumetti appartenesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diamine! a me ne è bastata una, non riesco a immaginarne mille!

      Elimina