venerdì 20 aprile 2012

Di malinconia, delusioni e amici



In questi giorni sono stata un po' assente sia dai Social Network sia dal blog (sì, lo so, nessuno se ne è accorto!) perché ero (di fatto, sono tuttora) un po' giù di squadra, fisicamente ma ancor più emotivamente.
Di tanto in tanto l'uno o l'altro degli effetti secondari indesiderati della cura che devo seguire si fa sentire: speriamo che almeno il farmaco serva allo scopo prefisso, io in linea generale ho sempre poca fiducia in questi prodotti, sapendo come vengono studiati...
A parte alcuni degli effetti fissi, quello che forse mi molesta di più è la pesante alterazione dello stato d'animo, con depressione, tendenza al pianto, visione pessimista del mondo ecc.


Il fatto che in questi giorni si siano aggiunti altri motivi, più oggettivi e palpabili, per giustificare questo mio umore mi ha convinto a starmene un po' in disparte, onde evitare di scaricare sui nostri amici seguitori, su Juhan soprattutto e sugli altri collaboratori il mio malumore e tristezza.
Però temo di non riuscire a venirne fuori se non accennando almeno a grandi linee, a mo' di sfogo, questi motivi esterni.

Innanzi tutto, lo stupendo post di Manucinci sulla nascita della sua primogenita pur nella condivisione della sua gioia mi ha rattristato profondamente, riportandomi prepotentemente alla memoria un episodio della mia vita il cui ricordo cerco di mantenere latente, in sottofondo. Il fatto è che la mia prima esperienza al proposito non è stata altrettanto fortunata, e benché le successive siano invece state gioiose il dolore della perdita non decresce con il tempo...
Altri dolori o grosse difficoltà della mia vita li ho saputi contenere grazie alla forza d'animo che mi sono dovuta imporre in quella circostanza, al punto da apparire ora a volte addirittura cinica o perfida.


Il tempo atmosferico non aiuta a riprendere allegria e voglia di vivere, con il freddo, il vento e il grigiore subentrati a troppi mesi senza pioggia! E il non poter neppure andare a lavorare nel mio amato paradiso nel bosco aggiunge altri strati di malinconia a questa base di depressione.

Poi, ciliegina sulla torta, è arrivata come un flash la rivelazione che una persona - di cui avevo chiesto l'amicizia su Facebook perché pensavo fosse molto intelligente e preparata e razionale – in realtà non merita questa mia considerazione. Infatti, lungi dal vedere la Scienza (con la maiuscola, sí) come la vedo io che la definisco “figlia del Dubbio e della Curiosità”, pare che si sia limitata ad apprendere acriticamente quanto le hanno insegnato, senza porsi l'ipotesi che quanto appreso, quanto viene da lei considerato Verità Rivelata, possa non essere vero o esserlo solo parzialmente. Sembra rifiutare quindi, sempre acriticamente, di esaminare altre possibili spiegazioni, dimenticando che la “scienza” solo l'altro ieri definiva l'atomo indivisibile, che ogni verità scientifica è provvisoria, fino a essere confermata o smentita da nuovi conoscimenti.

Poiché ho la tendenza a vedere negli altri forse più meriti di quanto abbiano, e di porli su un ideale piedestallo, mi capita abbastanza spesso di avere queste delusioni atroci, che mi lasciano per diversi giorni sconvolta e come svuotata di ogni forza. Ora, se questo avviene in un periodo in cui la mia forza morale e mentale è già compromessa e lacerata, è inevitabile una débâcle.

Per fortuna, a risollevarmi lo spirito quanto basta per riemergere a galla, è arrivato inatteso un nuovo giovanissimo amico (che ringrazio qui pubblicamente) il quale con molta gentilezza ha perso parte del suo prezioso tempo per coccolarmi con musiche stupende e scenette divertenti: grazie, Leonardo!


Ecco, magari mi sarebbe piaciuto che Juhan, che sapeva della  mia tristezza e dei suoi motivi, mi rivolgesse qualche parola di conforto, ma non si può chiedere troppo ad amici di Social Network, in fondo sono e restano solo estranei...


15 commenti:

  1. Questi momenti capitano a tutti. E di fatti brutti ne abbiamo avuti tutti, credo. E anche le delusioni non mancano. Però dobbiamo trovare il modo per andare avanti, ci sono anche cose che è bello viverle, o no?
    Dai un bacione con lo schiocco!

    RispondiElimina
  2. Ciao Bruna, ti capisco; so cosa è quel sentimento, volevo persino scriverci un post e magari lo farò... intanto ti dico che qui dopo tanto grigiore è venuto il sole, e spero che sia così anche laggiù da te... forse un po' di sole e calore ti farà star meglio, intanto ti mando un abbraccio virtuale grande grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Begonia (no, qui è sempre grigio e triste...).

      Elimina
  3. La delusione, come osservi, è direttamente proporzionale all'investimento affettivo. Chi è portato a credere nelle persone, a porre su di loro la propria fiducia, ne rimarrà tanto più deluso quanto maggiore sarà stato questo investimento iniziale. Se questo vale per gli altri vale anche per sè? O per gli eventi della vita in genere?
    Sì. Perciò non fartene una colpa Bruna, e non crucciartene, anche se questo modo di essere porta molti fastidi. E non dimenticare che questo stato d'animo è molto probabilmente conseguenza della cura. Malinconia e depressione risentono inevitabilmente dell'assetto chimico del cervello, ma meglio di altre condizioni fisiche possono essere modificate per via cognitiva. Un modo sarebbe quello di non sentirsi soli nell'affrontare gli eventi. Ed ecco entrare in ballo amici vicini e lontani. Qualche volta si può, come dire, venire meno al proprio ruolo, ma solo per ignoranza (nel senso di ignorare) non per cattiva volontà.
    Perciò tutti quanti ti chiediamo scusa per la nostra assenza perchè alla volte si è insensibili senza saperlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paolo, so di poter sempre contare su di te per una parola di conforto.

      Elimina
  4. Mi unisco alle splendide parole di Paolo. In abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Ora devo ringraziare Archie per avermi fatto conoscere le nuvole di parole, e soprattutto avermi insegnato a trasformarle in immagini, in modo da poterle poi pubblicare sul blog.

    RispondiElimina
  6. mi spiace tanto, Bruna d'averti evocato, col mio post, brutti e dolorosi ricordi, sinceramente ero in dubbio se pubblicare un post del genere proprio perchè sapevo che avrei potuto ferire la sensibilità di qualcuno, per motivi diversi legati alla nascita, al concepimento o peggio ancora ad una perdita...però alla fine ho pensato che secondo questo principio allora sarebbero troppi gli argomenti che vuoi per questo o vuoi quell'effetto potrebbero urtare uno o più lettori e quindi ho preferito postarlo, e come promesso posterò anche la seconda parte e ti chiedo già da ora di non volermene. In quanto alla tua malinconia, posso dirti che anche io ho dovuto lottare contro una brutta bestia, fortunatamente rivelatasi poi non troppo brutta, ma che qualche problema me l'ha portato e qualche d'uno me l'ha anche lasciato, ti auguro quindi di poter trovare la forza di vedere o magari anche solo di cercare quel che di positivo possa esserci in quel che stai vivendo...per quanto spesso sembra o forse è addirittura impossibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manucinci, non è sicuramente colpa tua, se fossi stata in questo periodo nel pieno delle mie forze emotive avrei solo gioito per te, come ho fatto, ma senza malinconie sul passato...
      È stato tutto un cumulo di cose che mi ha abbattuto, anche le delusioni che mi han dato quelli che consideravo amici. Ma non importa, come dice Rossella O'Hara, "domani è un altro giorno"! e ogni giorno è un giorno regalato! e amico che va, altro amico che viene...

      Elimina
  7. http://farm4.static.flickr.com/3176/2966973191_e911a1bc01_o.jpg
    lo so che non c'entra niente ma la trovavo carina

    RispondiElimina