domenica 9 dicembre 2012

Il ritorno dell'alchimia


Ancora pochi giorni e tutto cambierà. I maya l'avevano previsto, noi non ci siamo preparati, anzi abbiamo interpretato male la cosa, pensa te, la fine del mondo.
Invece no, non è la fine del mondo ma la fine del mondo come lo conosciamo noi, ora.


D'altronde mica facile leggere il mayaco, guarda l'immagine sopra e fai un confronto mentale (un Gedankenexperiment (sì, c'è anche in italiano ma vuoi mettere com'è più fascinosa questa pagina in Deutsch?)) e confrontala con quella di Frate Indovino.

Comunque il consiglio è, come al solito: niente panico, frase che andrebbe bene anche sull'altro blog, quello di roba da 'puters.

A dire il vero qualche indizio che le cose stiano cambiando per cambiare se uno guarda bene ci sono.


Prendi per esempio il problema dell'energia: tra un po' non ce ne dovremo più preoccupare, neanche 'na frisa, vuoi per la fusione fredda (si dovrebbe dire LENR, si capisce di meno quindi è più giusto) che per il piezonucleare.

Cioè spacchi la pietra e un atomo di ferro si spacca in due atomi di alluminio. I due nuovi hanno meno massa, quindi ecco l'energia; ci sarebbe anche un neutrone ma uno, dai! e poi neutrone = uno neutro, no?


Ma aspetta, domanda: quando il fabbro da una martellata sull'incudine produce alluminio?
Risposta: ma dai! L'hai mai visto un incudine te? È solo una cosa inventata per i cartoni, dai, credulone!



La cosa ha anche notevoli aspetti positivi per gli studenti (specie quelli padani, in genere diversamente intelligenti o poco propensi a stare a sentire quelle cose (no, non sono razzista, sono loro che fanno così)). I quali studenti non dovranno più faticare con la tavola periodica degli elementi, quella di Mende Дми́трий Ива́нович Менделе́ев. Da una parte è un peccato perché guarda come l'avevano fatta bene, qui.


Sapete, alle volte prima di addormentarmi mi vengono certe pensate che voi umani...
Dev'essere opera di Sua Pastorità,
FSM, sempre sia condito, RAmen.

Questo post partecipa alla 23ª edizione del Carnevale della Chimica presso Il chimico impertinente di Paolo Gifh

4 commenti:

  1. Ponder, sei grande!
    Noto però che a forza di stare insieme al nostro caro Juhan stai assumendo un po' certi suoi vezzi nello scrivere. Ti dirò, anche a me a volte viene la tentazione di scrivere "'na frisa" o altre espressioni tipiche di Juhan, ma cerco di contenermi!
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ponder Stibbons9 dicembre 2012 12:46

      'na frisa sta per just a little, secondo me è espressivo, come anche 'puter: si sa che è con, no?

      Elimina
  2. Sai, Ponder, questo post potrebbe essere pubblicato nel prossimo Carnevale della Chimica, chiedi a Juhan che ti segnali! così pareggi con Archie, che ha partecipato una volta ;-)

    RispondiElimina
  3. In effetti mi sembrava un post di Juhan... Ponder, beware ;-) - potrebbe essere un sintomo di overdose di pasta (RAmen!), alla sera meglio stare leggeri, specie seduti alla tavola periodica, che poi va di traverso.
    Quanto al ritorno all'alchimia... mah, ho un'opinione personale sulla fusione fredda, magari un giorno ci faccio un post.

    RispondiElimina