mercoledì 4 settembre 2013

Les Schtroumpfs, i Puffi


L'amico pierop ci ha ricordato in un commento che esiste un blog fantabuloso, specie per quelli di una certa età, questo: Corrierino e Giornalino.

pierop ha ragione! Io ogni tanto un po' di tempo lo passo a dire sigh! perché, anche se non tutti lo sanno e non tutti ci credono, sono stato giovane anch'io. Sigh!

OK, basta!
Anzi no.
Perché mi è venuto in mente che la prima storia che ho letto dei puffi è stata quella dei Puffi neri, secondo me un capolavoro. E sul blog non l'ho trovata, sigh!

Ma noi digitalizzati del 2013 abbiamo un sacco di risorse: prendi la Wiki per ricordarti come si dice puffo in français e poi googli per Les Schtroumpfs Noirs. E lo trovi, una meravigliosa meraviglia, formato über.

Per cui ecco a voi, proprio com'erano allora, formato A4, copertina rigida, tutti colorati e meravigliosi, qui.

Sigh!

3 commenti:

  1. Ma si può puffare così online, a gratis?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo pare di sì; prossimamente approfondisco e vado in cerca di Tin-Tin e Asterix. La scuola belga, sigh!.
      Certo, molto diversi dallo stile Bonelli ma il mondo è grande...

      Elimina
  2. Una informazione: in Spagna si chiamano Pitufos.

    Altra informazione: la maggior parte della gente (provato!) crede che "sigh" sia il suono di un singulto, mentre è un sospiro!

    RispondiElimina