venerdì 18 novembre 2011

Benedetto apostrofo! (ma non solo)

Oggi mi sento in vena brontolona, per cui pubblico una mia personale incompleta raccolta di strafalcioni relativi all'uso dell'apostrofo, ma non solo. 

Dico incompleta perché spesso, inciampando in uno di questi errori che interrompono il fluido corso della lettura, non ho tempo o voglia di copiarli per conservarli nella mia raccolta, che ho fatto semplicemente "copiando e incollando", per cui ho conservato anche il carattere tipografico originale, benché in alcuni casi sia stata costretta ad aumentarne la dimensione perché fosse ben leggibile. 
La definisco incompleta anche perché riferita ad un breve periodo di tempo, la voglia di conservare a futura memoria questi "inciampi" mi è sorta solo recentemente, dopo averne trovati a decine.

Comprendo che chi scrive su un blog o su un social network possa avere la tentazione di  prendere un po' sottogamba le nozioni basilari della sintassi italiana, comprendo un po' meno quando si tratta di regole fondamentali della grammatica, e mi scandalizzo un po', lo ammetto, quando il colpevole è un insegnante, e magari, come in alcuni casi riportati, recidivo.
Non si tratta di errori di battitura: se qualcuno scrive "pesare" dove la logica vuole "pensare", si tratta chiaramente di un errore di battitura (il 90% delle volte io scrivo -mnete dove vorrei scrivere -mente, poi correggo ma forse non sempre). 

Vorrei che gli involontari (volutamente anonimi) protagonisti di questo mio sfogo non si offendessero: io stessa, conscia delle mie manchevolezze di base, cui si aggiunge un lungo periodo di scarso uso della lingua italiana, ho più volte chiesto pubblicamente che mi si correggessero gli eventuali errori, e confido nella cooperazione di chi mi legge. :(

La cosa che più mi infastidisce è la consapevolezza che questo lassismo nell'uso della nostra lingua sia figlio dell'epoca che si è vissuta (spero poter un giorno dire un definitivo "si visse") in Italia, epoca di cui il lassismo sotto tutte le sue forme, in ogni campo del vivere civile, è stato lo stendardo e il paradigma.


Scusate per questo sfogo (un "pippone", lo chiamerebbe qualcuno), e ringraziate il cielo che io non abbia neppure sfiorato il tema della scrittura stile SMS o twitter! ;)

17 commenti:

  1. Io so solo che una volta sono incorso in questo errore e una Perfida me l'ha subito segnalato con una cortese e-mail...

    RispondiElimina
  2. Bruna Matteo e io che ti abbiamo fatto il +1 abbiamo diritto a una chiusura d'occhio una tantum?
    Faccio notare che ho scritto "Matteo e io" anche se la tentassiun era di scrivere "io e Matteo". Poi sono sempre tentato di usare ancora la D eufonica anche se mi dicono non si usi più.
    In ogni caso ce la metto tutta. (o si dice "c'è la metto tutta"?).

    RispondiElimina
  3. Esimio prof. Popinga, dovevo essere talmente sicura che si trattasse nel tuo caso di una svista che ho rimosso dalla memoria l'episodio...

    LPN

    RispondiElimina
  4. Sarà fuori moda, Juhan, però a me la "d" eufonica piace abbastanza e in genere la uso.
    (spero fortemente che tu scherzassi con l'ultima frase!!!!!) ;)

    RispondiElimina
  5. Ah ah, hai ripreso anche me una volta! grande Bruna!

    RispondiElimina
  6. Insomma, ad uno ad uno vi ho "bacchettato" tutti! .mau. non legge questo blog, quindi non può commentare, ma è stato anche lui nel novero.
    Devo proprio essere perfida...

    RispondiElimina
  7. piero (hon-ki-ton)19 novembre 2011 01:50

    Provo a ingraziarmi la maestra citando un mio post che penso le piacerà:
    http://www.papersera.net/cgi-bin/yabb/YaBB.cgi?num=1267470939/301#301
    Era un aiuto a un quiz che avevo proposto poco prima.

    Sul Papersera le discussioni sull' uso della lingua italiana abbondano. Qui per esempio è deprecata l' abolizione della d eufonica
    http://www.papersera.net/cgi-bin/yabb/YaBB.cgi?num=1178641036/1020#1020

    e quest' altro è tutto un topic dedicato alla ricchezza della lingua italiana delle storie Disney di un tempo...

    RispondiElimina
  8. nei prossimi giorni mi sa che sarò occupato con il Papersera :P

    RispondiElimina
  9. Il .mau. sarebbe ottimo, qui come ovunque: è un grande esperto di Terry Pratchett! Poi [invidia] è traduttore di D.R. Hofstadter [/invidia].

    RispondiElimina
  10. Piero, mi son subito iscritta a papersera!

    RispondiElimina
  11. Io cerco di essere attento a queste cose, ma gli svarioni mi capitano lo stesso, ah se mi capitano!
    Una volta mi è stato segnalato "lo scorso hanno". In realtà mi stavo esprimendo in italiano medievale, ma ad ogni modo ho corretto :-)
    E per quanto riguarda la D eufonica. Ma perché la si considera arcaica?! È così bella! Formiamo un comitato per la difesa della D eufonica.

    RispondiElimina
  12. Pensa te che una delle cose che invidio da matti al tedesco sono le parole composte. Una volta, quando ero giovane, ho assistito a una lezione introduttiva dove si parlava di quello. Poi mi hanno (anno?) trascinato via e non saprò mai come andava a finire. A meno che...

    Credo che su aporstrofi & dintorni (d'intorni?) ci farò un post a breve, forse.

    RispondiElimina
  13. Guarda Juhan il "matrioschismo" delle parole tedesche è un'tema molto affascinante. Né avevo parlato più di tre hanni fa cuí: Riflessioni sul tedesco e sugli isomorfismi semantici italo-germanici.
    Sicuramente conoscerai: Donaugrossschifffahrtswegdampfschifffahrtgesellschaftskapitänsuniformknopf
    Ma anche la più realistica Umweltverschmutzungsproblem non è male.
    Un certo interesse per un'informatico lo anno anche le Schachtelsätze, di qúi o anche parlato.

    RispondiElimina
  14. ...devo anche aggiungere che la logicità e la regolamentata (come tutto in questo nordico suol) creatività di questa lingua mi (h)anno spinto a diventare più creativo anche nella mia lingua. Mi spiego meglio. A volte, quando non so come si dice qualcosa, provo a ricostruire la parola a partire dagli atomi linguistici. E spesso funziona. Esempio stupido: non sapevo come si diceva epicentro, ma mi venne spontaneo coniarlo come Erdbebenzentrum. E questo spesso mi spinge, un po' per gioco, ad usare la stessa logica anche in italiano. Ad esempio con Juhan abbiamo discusso sul termine "mediasocialismo" in Flussi e riflussi del mediasocialismo

    RispondiElimina
  15. Sì l'inquinamento (centra Quine?) e un problema.
    Quello scansafatiche di Google translate si rifiuta di dirmi qual cosa sulla prima parola anche se:
    Donau = il Danubio?
    gross = grosso?
    gesellschaft = società?
    kapitän = capitano?
    uniform = uniforme?
    knopf = pulsante (mi dice Google Translate). (ma come si dice testa, kopf?)
    Quindi è chiaro: sono FSM potrebbe saperlo, RAmen.

    Adesso vado ha vedere il tuo post, chissà.

    RispondiElimina
  16. Dioniso, hai un bel provocare (commento delle 10:22), ma non m'inganni! farò finta di non vedere gli strafalcioni di cui volutamente hai disseminato il commento! ;)

    RispondiElimina