lunedì 19 agosto 2013

Il mio nome è de Curtis, Antonio de Curtis, in arte Totò


" Sono ormai all'età in cui si tirano le somme e non ho fatto nulla.
Sarei potuto diventare un grande attore, e invece su cento e più film che ho girato,
ve ne sono di degni non più di cinque.
Ma anche se fossi diventato un grande attore, cosa sarebbe cambiato?
Noi attori siamo solo venditori di chiacchiere.
Un falegname vale certo più di noi:
almeno il tavolino che fabbrica resta nel tempo, dopo di lui
"
                                                                                            Totò

Io direi che tutto sta a comprendere il valore che le persone danno ad un tavolino e quale concetto hanno di "grande attore". Io Totò non lo conosco, non ho mai visto un suo film se non qualche spezzone di sfuggita, però, a casa, c'è chi, oltre al cofanetto con tanti ma tanti film di Totò, ha anche un libricino di poesie e qualche vecchia registrazione di canzoni del "Principe".

Sarà stato un grande attore? Boh! Per quel che se ne sente e legge in giro, viene considerato il più grande attore comico italiano (qualcuno si spinge oltre) mai esistito. Nel dubbio, ma anche nella speranza che qualche "vecchiaccio" passante per il Tamburo m'illumini, io mi concentro su due cose che, anche se ciofane, sono in grado di capire ed apprezzare.

Parlando di poesie, e di una in particolare:


Eccovi il testo in napoletano sanguigno:

'A Livella

Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno l'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora È fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,  stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!".

E qui con la traduzione "italiana" affiancata.

Ma ancora non ho finito. Vi dicevo che due erano le cose, ebbene, dopo la poesia, ora ci sta bene un po' di musica:

Malafemmena

(cantata da Roberto Murolo)


E per gli amanti di Totò, qui un omaggio che vale la pena visitare.


PS:
In questo Tamburo prevalentemente "nordista", mi è sembrata cosa buona e giusta portare anche un po' di sano Meridione e la figura di Totò penso possa accontentare e soprattutto accomunare tutti (almeno i "vecchiacci")

15 commenti:

  1. Difficile dare un giudizio su un attore che non ammette mezze misure, c'è chi lo adora e chi non lo sopporta, parrebbe che l'amore per Totò sia una sorta di fede!
    Io personalmente lo trovo di una noia mortale e difficilmente riesco a guardare un suo film da cima a fondo, anche se di quando in quando ne è uscita qualche singola scena che veramente è passata alla storia del cinema, e di questo bisogna dare atto, ma sono cose che per me non giustificano la visione dell'intero film.
    Rivedrei volentieri pochissimi suoi film, tra cui ricordo "I due marescialli", ma sono film in cui i ruoli sono tragici più che comici, e molto fa la sceneggiatura e la regia, in questi casi.
    Per spazzare anticipatamente dubbi di campanilismo, se mio cane vede film di Macario lui va a Museo del Cinema e piscia sopra pizze.
    E' un tipo di comicità che può piacere o non piacere, come il pesce ratto (altra cit. cinematografica colta), e a me non piace.
    D'altra parte si è messo in gioco con ben 97 film, quattro all'anno (Wiki), è ovvio che fossero nella maggior parte raffazzonati con reportorio da vecchio avanspettacolo: c'è chi fa pochi film cercando di creare prodotti di alto livello culturale, anche rimanendo in un contesto complessivo di tipo comico (vedi il grande Massimo Troisi, per rimanere nell'area campana), e chi, come Totò, sfrutta l'onda del successo per spremere tutto lo spremibile.
    D'altra parte è pieno di attori comici scadenti che sono stati tirati fuori dal tunnel da bravi registi, vedi Dalle Piane, Abatantuono, lo stesso Rascel, proveniente dall'avanspettacolo e con millanta film scadenti sul curriculum, ne ha fatti almeno un paio più seri, recitati bene e che a mio parere meritano di essere visti, "Il cappotto" e "Policarpo, ufficiale di scrittura".
    Per finire voglio spezzare una lancia a favore del precedentemente bistrattato Macario, che ho avuto occasione di incontrarlo di persona moltissimi anni fa, ed era una persona completamente diversa dal provincialotto di Vinovo che amava rappresentare, molto posata e professionale e, sorprendentemente, senza il minimo accento, probabilmente non ha voluto essere diretto da un regista serio, per non rovinare la macchietta a cui il suo pubblico era particolarmente affezionato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come giustamente dici, è difficile per un attore rinunciare allo stereotipo che l'ha reso famoso. In fondo, se ci si pensa, anche Sordi per tutta la vita ha sempre interpretato lo stesso personaggio... e tirando tirando si può dire lo stesso anche di Abatantuono (meno) e del grande Troisi! il vantaggio che hanno avuto questi ultimi è che il loro personaggio è nato già di livello superiore a quello di Totò, per cui son potuti passare senza traumi dai film degli esordi a quelli più "consistenti" senza soluzione di continuità, senza rotture drastiche.
      Ti dirò, Totò quando ero giovane lo trovavo poco divertente, infatti non sono molti i film suoi che ho visto, poi ho iniziato col tempo ad apprezzare il suo "stile" inconfondibile, le sue battute (si capisce benissimo che sono sue, non nel copione). Dove mi è piaciuto meno è stato in Uccellacci e uccellini, forse proprio perché così diverso da lui, forse perché il film in generale non mi è piaciuto. Più che un film completo, era grande in alcune scene, rimaste per questo nel ricordo di tutti (con Peppino a Milano, per esempio...).
      Mi è piaciuto ne I soliti ignoti, è stato interessante vederlo destreggiarsi in sei parti diverse in Totò Diabolicus.
      Insomma, non dico che sia stato quel mostro sacro che l'han fatto diventare, ma non era certo solo un guitto, del resto era una persona molto intelligente.
      Sai, con gli occhiali rosa del ricordo della nostra gioventù, ogni tanto si "rivaluta", si "riscopre", si "rilegge" questo o quell'altro attore, sono abbastanza vecchia da aver potuto vedere la riscoperta di Totò ma anche quella di Ciccio e Franco (!) durata solo un soffio; sta' pur certo che tra qualche anno qualcuno "rivisiterà" i cinepanettoni e Christian De Sica! ;-)

      Elimina
    2. Wow Giorgio, ti ringrazio per il commento pieno di informazioni/indicazioni e per aver espresso il tuo parere.
      Non so se definirti "vecchiaccio", ma se hai incontrato personalmente Macario tanto giovane non puoi essere. Se gironzoli per il Tamburo capirai che per me "vecchiaccio" è un complimento e in questo post, cercando "vecchiacci" che mi illuminassero non speravo di trovarne uno nuovo (devi sapere che qui al Tamburo ce ne sono alcuni, due in particolare...).
      Io, come ho scritto, non conoscendo Totò non posso esprimere giudizi, ma mi pare di poterti dare ragione quando scrivi che "c'è chi lo adora e chi non lo sopporta, parrebbe che l'amore per Totò sia una sorta di fede!". Io, per non saper nè leggere nè scrivere mi son buttato su una sua poesia ed una sua canzone che credo unanimamente siano apprezzate, ma magari mi sbaglio e se ne può discutere. Di tutto si può discutere, tranne che della mamma.

      Elimina
    3. @ Bruna
      Mi state smontando un mito, nel senso che qui in famiglia l'adorano tutti (quasi) quelli di una certa età, tutti tranne il mio vecchio al quale però non vorrei essere costretto a dare ragione dopo aver letto i vostri commenti. Facciamo che vi lascio tra voi vecchietti a discutere; io vi leggo da lontano. Prima però un po' di sale nella discussione voglio mettercelo, due granelli di sale:
      1) non è che piace di più ai meridionali che ai settentrionali per un discorso di "appartenenza"?
      2) non è che piace di più ai "meno colti" (nel senso di coloro che hanno studiato meno)?

      Elimina
    4. No, non credo all'ipotesi 1) perché per esempio il citato Troisi è molto apprezzato al nord, malgrado la sua parlata sia, rispetto a quella di Totò, di più difficile comprensione per quel suo parlare un po' più "chiuso in se stesso" (Totò appartiene all'epoca in cui gli attori erano prima di tutto di teatro o di rivista, abituati quindi a parlare a voce alta e scandendo il più possibile le parole come è d'uopo sul palcoscenico).
      Ma neppure condivido la seconda ipotesi, i meno colti l'apprezzano per le smorfie e le battute più "epidermiche", i più colti per le battute satiriche un po' più difficili da cogliere perché presuppongono appunto un certo substrato culturale.
      (e si può discutere anche della mamma, che diamine!)

      Elimina
    5. Ma tu Troisi lo capisci quando parla? Perché io, pur avendo qualcuno in famiglia che il simil-napoletano (PZ) lo parla, lo capisco poco, però mi piace ("Il postino", "Ricomincio da 3"... e basta, ho visto solo questi).

      Chiaramente le ipotesi non sono neanche ipotesi, ma un tentativo di "salare" la discussione che però devo dire, già da sola, sta venendo su bene, cioè, io sto "prendendo" qualcosa dalle vostre spiegazioni, cose che non conosco e che sono lontane dai miei soliti interessi, ma il bello è proprio questo.

      Sulla mamma, si potrebberesse anche discutere, ma solo bene, che siamo italiani...

      Elimina
    6. No, Troisi riesco a capirlo a poco a poco (rivedendo più e più volte i suoi film) e anche così alcune cose le intuisco più che capire le parole "in chiaro": il suo parlare, come dire, "a mezza bocca" mi è difficile da comprendere, ricordo che una parente che parlava in buon italiano era quasi altrettanto difficile da comprendere quando iniziava a parlare così. Oltre a quelli che citi, ho visto anche "Le vie del Signore sono finite" e "Non ci resta che piangere", oltre a scenette su Youtube.

      (come mamma, non ho remore a lasciarmi discutere...)

      Elimina
    7. (e anche come "zia" dei Tamburisti!)

      Elimina
    8. Su questo non ci sono dubbi, abbiamo avuto qualche discussione su argomenti per i quali non la pensavamo proprio esattamente e mi sembra che comunque ne sia sempre venuta fuori una discussione educata in cui ognuno ha avuto modo di esprimersi. E son questo tipo di discussioni che poi sono davvero utili ed interessanti. Ciauuu zia.

      Elimina
  2. Io al solito arrivo tardi e perdo l'attimo in cui potrei dire qualcosa di intelligente (dai, almeno un po'). Tipo Ciccio & Franco avrei voluto citarli io, forse potrei dire che per un certo periodo facevano un film a settimana di qualità immaginabile. E Ciccio Ingrassia s'è stufato, vedi L'Esorciccio. Anche Totò mi dicono (sì ho conosciuto chi ci ha lavorato con) che era praticamente indirigibile, faceva quello che voleva in scena e andrebbero rivalutate le spalle (Peppino De Filippo).
    Invece sui vecchiacci: Giorgio è molto più giovane di me, 7 anni, per chi non lo sapesse. Però è stato più precoce, da sempre.
    Per il razzismo regionale: come la mettiamo con Corrado Guzzanti? Certe volte io avrei bisogno dei sottotitoli.
    Posso aggiungere qualcosa? Nichetti, una carriera tutta in discesa, e pensare che al debutto cinematografico... (OK, anche prima). Che poi anche Woody Allen era meglio da giovane.

    Ma tutto questo va letto in funzione di quanto segue, deboli di cuore non andate oltre, avvisati nèh!

    A me Benigni non piace. Neanche un po'. E meno che mai quando parte con Dante. OK, non mi piace neanche Dante. E nemmeno Manzoni.
    Sempre per non sembrare razzista ho tutta una lista di presunti comici che non dico cosa farei perché poi passo come un leghista: Faletti, Boldi, Bud Spencer, Don Matteo e, il peggiore in assoluto, Mr.Bean.

    RispondiElimina
  3. Ehi, qui si aprono spazi di riflessione fin troppo ampi!

    A me Benigni piace assai poco, ma è indiscutibilmente un genio se paragonato a Panariello. In generale trovo insopportabili i comici toscani, e a quanto pare non sono un ovo fori dal cesto, anzi trovo conforto in un articolo che condivido appieno e al quale senz'altro rimando: http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Comicit%C3%A0_toscana

    Un toscano che salvo, nonostante la coprolalia ossessivo-compulsiva, è Paolo Ruffini, che si inventa spassosissimi doppiaggi come questo (e molti altri): http://www.youtube.com/watch?v=Ion0BgnciYQ&list=PLA71F761DED38B2E4&index=58

    In generale siamo circondati da sedicenti comici coloradeschi e spesso zelighiani che ritengono che parlare nel proprio dialetto sia irresistibilmente comico e, come dice giustamente dice l'articolo citato di Nonciclopedia, pensano che non sia quindi necessario avere, in più, anche buone idee da esprimere in tale dialetto.

    Un po' meglio Franco Neri, "calabrese di Torino", che usa il doppio dialetto per una satira di costume leggera ma intelligente.

    Molto meglio Luca Klobas, che interpreta l'albanese Ratko facendoti ridere ma anche riflettere e speso un po' di magone te lo lascia: http://www.youtube.com/watch?v=wCYcLA08_Zg
    D'altra parte Klobas è un comico, come si diceva una volta, "impegnato", ed è anni luce più avanti di quella moltitudine di inguardabili animatori da villaggio a due stelle il cui stile comico era già superato ai tempi di Giovenale.

    Quanto a Mr. Bean, che dire? Secondo me è un comico che fa ridere solo noi ciofani che ancora conserviamo un certo senso dell'autoironia, mentre i vecchiacci altezzosi posso capire che non lo sopportino.

    A me fa ridere perché spesso mi ci immedesimo: penso alla scena in cui è stato trattenuto in una stanza dalla polizia aeroportuale, ed annoiandosi comincia a camminare davanti ad un grande specchio, chinandosi ad ogni passo per far finta di scendere le scale. Solo che era un finto specchio, dietro al quale i poliziotti lo osservavano allibiti... beh, a me onestamente potrebbe venire in mente di fare una cosa simile che non è neanche sciocca, solo infantile, se proprio vogliamo. Poi il contesto lo rende ridicolo, a nessuno è mai capitato di fare involontariamente la figura dello stupido? Io lo trovo liberatorio, con il sollievo finale dovuto alla coscienza di non essere stato davvero io il soggetto di quella figuraccia!
    E la scena imperdibile del quadro "La madre"? Una catena di eventi che per sfortuna, malagrazia e ansia crescente innesca una retroazione negativa fino alla catastrofe, eppure ci poteva stare che capitasse a chiunque. Anche questa volta, per fortuna, non a me!

    RispondiElimina
  4. Oh, io vi leggo (da lontano) stando in un angolino, ma va bene Benigni, Faletti, Boldi, Panariello e altri, ci sta che non piacciano (a me no di certo), ma Mr. Bean, quello no, non toccatemelo che altrimenti mi distruggete tutta l'adolescenza e oltre. Non si può, assolutamente non si può non amare Mr. Bean, per il motivi scritti da Giorgio ma per mooolto mooolto di più.
    Per favore Juhan, ricrediti, ne va della tua salute mentale ☺

    RispondiElimina
  5. Caro Marco, io direi che se a casa hai il cofanetto a disposizione, conviene dare un'occhiata a quella decina di film che secondo me sono davvero un concentrato di comicità davvero grande (spalle comprese). Poi è chiaro che la massa dei film commerciali valgono poco, ma secondo me non inficiano il valore del personaggio, che come hai giustamente sottolineato è stato presente anche nella musica e nella poesia con risultati degni di nota.
    Quanto alla diatriba su Benigni e Dante, è chiaro che non ne verremo mai fuori. Chiunque voglia avere un approccio colto e corretto al poeta, rimane deluso e offeso dalla chiacchiera un po' tanto al pezzo. Però io dico che uno che ti fa sentire emozionati alcuni milioni di persone parlando di un argomento che per gli stessi avrebbe avuto interesse zero se fatto diversamente, avrà pure un merito colossale. Anche se una piccola parte di questi spettatori vorrà approfondire Dante più correttamente epiù seriamente invece di stare a guardare il grande fratello mi sembra di per se stesso un risultato strabiliante e meritorio.
    E, Juhan, a me mr Bean piace, tié!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione su Benigni/Dante. Il fatto è che non sopporto il giorno dopo con tutti i padagni che ne parlano estasiati, solo quel giorno. OK, sono snob. E resto della mia idea anche su quell'altro.

      Elimina
    2. @ Enrico
      Potrei anche vederli quella decina di film ma sinceramente se proprio non me lo ordina il medico preferirei soprassedere.
      Su "'A livella" e "Malafemmena" son contento che comunque vengano considerati risultati degni di nota.

      Riguardo a Benigni/Dante, ci ho provato a vedere qualche pezzo ma non sono durato molto; il mio vecchio che ha visto ed ascoltato un bel po' dice che vale sicuramente la pena, soprattutto per gli studenti che hanno così un approccio diverso e, forse, riescono ad apprezzare maggiormente. Su questo magari un pensierino ce lo faccio.


      @ Juhan
      Fai bene a rimanere della tua opinione, ma se posso, guardati un po' di Mr. Bean insieme ai nipotini; quando li vedrai sorridere forse...

      Elimina