lunedì 17 giugno 2013

Vassapere, ma poi mi passa: ABBA

ABBA was a Swedish pop group formed in Stockholm in 1972, comprising Agnetha Fältskog, Björn Ulvaeus, Benny Andersson and Anni-Frid Lyngstad. ABBA is an acronym of the first letters of the band members' first names (Agnetha, Benny, Bjorn and Anni-Frid) and is sometimes stylized as the registered trademark ᗅᗺᗷᗅ. They became one of the most commercially successful acts in the history of pop music, topping the charts worldwide from 1972 to 1982. They are also known for winning the 1974 Eurovision Song Contest, giving Sweden its first victory in the history of the contest and being the most successful group ever to take part in the contest.
(la Wiki, ça va sans dire).

È tutta la mattina che ascolto gli ᗅᗺᗷᗅ. E siccome sono fondamentalmente buono voglio condividerli con voi. Ma prima un minimo di intro, un tentativo di giustificarmi: ho la fama di tipo noioso e barbogio (questo termine mi piace parecchio) faticosamente costruita nel corso degli anni da difendere. Per dire mi piacciono Mozart (sembra tanto semplice la sua musica), Ciaikowski (idem, rinuncio da subito a scriverlo come si dovrebbe) per arrivare fino al sommo JSB (molto meno facile). Poi, venendo a tempi più recenti ci metto i Fab4, i Pink Floyd (spesso angosciosi) e i TMBG (poco noti da noi, male!).
In ogni caso ieri sera li ho intravisti in TV, mentre stavo zappando per via della pubblicità che adesso sta arrivando anche su RaiNews24. Poi stamattina qualcuno (non temere Giuseppe Deliso non lo dico a nessuno --OOPS!) posta su G+ un video di jazz, bello come al solito ma là indovina chi c'era anche? Esatto, loro.


C'è da dire anche un'altra cosa: questa notte ho dormito male. Faceva caldo, c'è afa, ci sono le zanzare. E appena mi addormentavo sognavo sempre la stessa cosa: tentavo di spiegare a uno ancora più gungnu di me come si fa senza variabili, sapete, la programmazione funzionale.


E allora cosa fai? Link tira link, come le ciliegie. E allora la colonna sonora oggi è quella. Pensa che a suo tempo non li avevo mai considerati; ma con il tempo si matura (è un sintomo di maturazione vero?). E siccome sono un buono, fondamentalmente --OOPS, già detto. Eccoli, tutti per voi (e notare che ho scelto versioni con le parole, vero che sono buono fond?



Se volete ci sono anche Kansas City e Waterloo.

E che dite: devo diminuire la dose giornaliera di Lisp?

16 commenti:

  1. Pensa un po' la combinazione: poche sere fa, non sapendo proprio come passare la serata, ho visto alla tele "Mamma mia" (non so se ce n'è altri, dico quello con la Streep e Brosnan cui si riferisce una delle foto) e da allora ogni giorno mi ritrovo a cercare di scacciare dalla mente una delle canzoni che continuano a ossessionare. Mi capita spesso, a dire la verità, di ripetere nella mente in modo ossessivo qualche motivetto, per fortuna di tanto in tanto cambio... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado con Kansas City?
      Tra l'altro pochi sanno che Kansas City non si trova in Kansas, cioè sì ma --OPS, sono OT!

      Elimina
  2. Sono ciovane e degli ᗅᗺᗷᗅ sapevo mica, ma anche io come Bruna ho visto tempo fa il film che devo dire si salva solo ed esclusivamente per la colonna sonora. Ho quindi riascoltato con piacere. Thanks!
    Invece, sui Pink Floyd ci sto di brutto (condizionamento del mio vecchio rocchettaro)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, come film non vale nulla, è solo la trasposizione per lo schermo del musical omonimo: credo che il miglior esperimento del genere sia stato, millenni fa, quello di West Side Story. E i musical in genere hanno il difetto della trama miserina o improbabile, che serve solo da vassoio per presentare al pubblico le canzoni e legare fra di loro le scene di ballo. Gli attori devono essere scelti tra quelli che oltre a recitare sanno anche cantare e ballare (percentuale abbastanza alta negli USA, scarsina in Italia, dove anzi molti devono essere doppiati anche nella versione italiana...)

      Elimina
    2. Vero. Ma prima o poi vi devo parlare di uno dei miei film preferiti: Dancin' in the Rain. OK, non è un musical. E poi ci sarebbero anche i musicarelli, Bruna te li ricordi?

      Elimina
    3. Hmm, hmm,...
      Se ammetto di non aver mai visto nè "West Side Story" nè "Dancin' in the Rain" faccio la figura dell'ignorantone? Ma stiamo parlando di "preistoria" (magari bellissima, non so) o sbaglio?

      Elimina
    4. Appena ho un attimo libero metto giù un paio di clip di Singin' (o Dancin'? dubbio!) e vedrai che ti conquista. Per i Signori Pirati del Web: ma a nessuno è ancora venuto in mente di mettere il film full? Potrebbe servire ai cciovani e (anche) a me.
      Poi, volendo potrei parlare di Citizen Kane, Quarto Potere (questo me l'avevano passato, chissà se lo ritrovo).

      Elimina
    5. Juhan, potremmo dedicare un'etichetta ai film. Ognuno potrebbe parlare del suo film preferito! L'idea è allettante, secondo me.

      Elimina
    6. Ottima idea. Naturalmente io parlo di roba vecchia. E, ripensandoci qualcosa ho già scritto in passato.

      Elimina
    7. Concordo, idea ottima. Se mi ci scappa qualcosa comincio a postare, ma vi avverto, ho gusti "strambi". Comunque, l'etichetta potrebbe essere proprio "film preferiti".

      Elimina
    8. Vai Marco che oggi io non scrivo niente, troppe cose da finire!
      E poi: tutti i gusti sono gusti (cit.).

      Elimina
    9. Marco, sinceramente io preferisco proprio le cose fuori dall'ordinario. Sono con te anche per il nome dell'etichetta! Allora si parte!!! :)

      Elimina
  3. Attento a quello che dici, Juhan! Il profilo di blogger, basta cliccare sul nome Juhan del precedente commento per accedervi, parla chiaro in merito alle tue cose preferite. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che sono ancora poco caffeinato ma sto non-capendo!

      Elimina
    2. ma no, stavo scherzando!! :))

      Elimina