venerdì 1 febbraio 2013

Passeggiata a Las Aguas




La passeggiata e le foto sono di qualche mese fa, ma non ne avevo ancora parlato.
La Aguas è uno dei quartieri di San Juan, costiero, non so se mi piacerebbe abitarci quando c'è una bella tempesta di mare e tutta la casa si riempie di aerosol marino...

ermita del Rosario



In spagnolo il “quartiere” * si chiama “barrio”. San Juan è suddivisa in vari barrios, quello che dà il nome al Comune, detto anche Casco Historico, è dove vivo io, poi c'è scendendo verso il mare Las Aguas, più in là sempre lungo la costa La Rambla, detta anche El Rosario per la sua chiesetta o ermita, più in alto San José (sede discussa e contestata del Municipio), La Vera e Las Rosas (nulla a che fare con le rose).
Ma veniamo al dunque.



non sempre il tempo è gradevole! 


"antico" ristorante, fondato nel 1982, specializzato in pesce e risotti















Il Comune ha fatto sistemare questa strada e quella limitrofa, pavimentandole in modo omogeneo e uniformando le ringhierine (barandillas) degli accessi alle case.


tipico balcone canario, in versione rustica

sentiero tra Las Aguas e La Rambla

vista dal sentiero






Non abbiamo mai potuto utilizzare questa piscina, da anni è chiusa - dopo un breve periodo di apertura di cui non abbiamo potuto approfittare - perché come potete vedere l'oceano ha creato delle voragini, scavando sotto di essa. Occorrerebbe costruire una scogliera artificiale per chiudere parte dell'insenatura.




                                                                         

* mi parrebbe più giusto però utilizzare in italiano la parola rione: quartiere  va bene quando la città è divisa   - in genere da due strade principali che si incrociano più o meno perpendicolarmente -  in quattro parti (come gli accampamenti militari romani, infatti in spagnolo la caserma si chiama “cuartel”). Ci sono anche i “sestieri” quando una città è divisa in sei parti. Mi chiedo: come si chiamerà ogni rione di Palmanova, divisa in 9 parti?



 Bah, non complichiamoci la vita... Del resto, a Siena e altrove ci sono le contrade...




5 commenti:

  1. Bei posti. E il pesce. E il clima temperato. E i padagni mancanti.
    Però una osservazione. Le lecchie targhe stradali a Torino riportano, sotto il nome della via "Isola di San ____". Siamo pieni di isole, proprio come le Canarias, anzi di più.

    RispondiElimina
  2. Appena finito il commento vedi l'errore. Pensare che ho riletto. Sto invecchiando. E poi perché il correttore ortografico non funziona? farà mica orario d'ufficio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dài, non ti preoccupare, si capiva benissimo che era "vecchie"!
      Allora dici che i quartieri o rioni o zone o contrade nella vecchia città di Torino si chiamavano "isole"? qualcosa a che fare con gli "isolati" ovvero gruppi di case definiti dall'incrocio di vie?

      Elimina
    2. Probabilmente sì. Oppure quei nomi sono stati messi il giorno dopo il diluvio, chissà...

      Elimina
  3. Queste foto fanno sognare.. brava!

    RispondiElimina