giovedì 23 maggio 2013

Schema #2




PS di Marco
Per non chiudere il cerchio 

Ma se poi, in conclusione...

17 commenti:

  1. Marco rockz!
    a volte mi viene da pensare che nomen omen; provate a fare il rapporto Marco/Juhan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che ci tocca litigare per chi sta sotto o sopra: chi fa il numeratore? :-)

      Elimina
  2. Non c'entra quasi niente, ma mi è venuto in mente... http://www.youtube.com/watch?v=KB1-1zuDGJ0
    E comunque la competenza è difficile, da conquistare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "E comunque la competenza è difficile, da conquistare"
      Conquistare. Perfetto! Hai usato il termine perfetto.
      E come rispondevo a @pierop, "La reale Conoscenza, quella che può trasformarsi in Competenza, quella non te la regala nessuno; te la devi sudare" :-)

      Elimina
    2. Bellissima canzone, Marco Bruno! grazie.
      E qui ci sono le parole:
      http://www.lyricsfreak.com/n/nitty+gritty+dirt+band/will+the+circle+be+unbroken_20101271.html

      Elimina
  3. nel senso che quando arrivi al verde te ne vai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che se hai raggiunto una competenza cosciente e pensi che di quella determinata materia/argomento credi di aver raggiunto un livello di conoscenza/competenza per te sufficiente, allora si, te ne vai e cerchi un nuovo "cerchio della competenza" per una nuova materia/argomento. Se invece pensi che (arrivato al verde) il livello di conoscenza/competenza non sia ancora sufficiente, allora torni al rosso alzando l'asticella dei tuoi obbiettivi e ricominci a percorrere le 4 fasi.
      In pratica puoi girare looppando sempre lo stesso cerchio aumentando ad ogni giro il "livello di difficoltà" e quando pensi di aver raggiunto il massimo delle tue possibilità ti butti su un altro cerchio per una nuova "avventura conoscitiva".

      Esempio pratico:

      Fase 1
      Non hai la patente e vorresti prenderla. Ti guardi in giro e vedi che praticamente tutti guidano una macchina. "Semplice. Che ci vuole? Guidano tutti. Son capace anche io!". Incompetenza incosciente.

      Fase 2
      Ti metti al volante e... "cavolo, ma come si fa a...?". Allora chiami un amico che guida e gli chiedi di fare un giro. Siedi sul lato passeggero mentre lui guida, l'osservi e ti rendi conte che ti mancano le conoscenze adeguate. Incompetenza cosciente.

      Fase 3
      Che fare per colmare le lacune? Bhon, scuola guida. Studi e cerchi di apprendere tutto quello che ti serve. Prendi la benedetta patente e ti metti subito alla guida. Credi ormai di sapere tutto. Competenza incosciente.

      Fase 4
      Vien fuori che con la neve bisogna...
      Che per parcheggiare in salita bisogna...
      Che a 140 su una strada bagnata bisogna...
      ecc ecc bisogna...
      Ma come rispondere correttamente a questi "bisogna" può insegnartelo solo la pratica prolungata, l'esperienza. Mettere in pratica quello che hai studiato per consolidarlo e soprattutto "affinare il tiro" in base alle tue caratteristiche ed intelligenze. Competenza cosciente.

      Ora sei un ottimo guidatore. Vuoi passare dalla patente B alla C ? Alza il livello di difficoltà e riprendi il cerchio. Vuoi diventare pilota di formula 1? Alza ancora il livello di difficoltà e riprendi il cerchio.
      Ti va bene poter arrivare sano e salvo al lavoro? Tieniti la tua patente B e cambia cerchio. Magari, ora che hai la patente, potresti finalmente viaggiare un po' di più come ti è sempre piaciuto. Potresti volere imparare l'inglese in modo da poter andare a Londra e non avere problemi. Bhon, cambia cerchio, trova quello che può fare al tuo caso e giraci dentro fino a che non ritieni di aver raggiunto i tuoi obbiettivi.

      Elimina
  4. @ tutti
    E perché bisogna essere onesti fino in fondo.

    Come dicevo a Juhan, mi era balenata l'idea di scrivere qualcosa del tipo: "La condivisione della conoscenza". Prima di iniziare a scrivere normalmente scarabocchio appunti/idee e lo stavo facendo con le SmartArt di Word. Mi sono reso conto che l'argomento era ben bene complesso e così mi sono arreso, ma nel frattempo era rimasto lo schema.

    Mentre ragionavo sull'argomento, tra le tante cose, mi sono soffermato sulla possibile differenza tra Conoscenza e Competenza. Sai quando ti si apre qualche cassettino della memoria che sembra non centri nulla? Mi ricordavo di aver letto un ottimo articolo su "Le fasi della crescita di un web designer", e mi ricordavo che mi aveva colpito come erano state suddivise le 4 fasi ma soprattutto come quella suddivisione potesse essere generalizzata un po' a tutto il processo di Conoscenza fino ad arrivare alla Competenza. E si, perchè la differenza sostanziale tra Conoscenza e Competenza è la pratica. In poche parole, secondo me, la Competenza viene dalla messa in pratica della Conoscenza.

    Ritornando quindi all'essere sempre onesti:
    il mio "Schema #2" ha spudoratamente preso spunto da questo articolo.

    PS:
    per chi sta sul Web e magari vorrebbe rendere la sua presenza più "professionale", quelli di You Ispiration Web son ben bravi: ci può scappare proprio il consiglio o l'informazione che si sta cercando. Io li seguo in silenzio perché mi interessa capire come certe cose del Web funzionano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco tutto OK. Ma se posso esprimere un parere, visto che il blog è anche tuo non andrei su commenti così lunghi e sostanziosi ma rimanderei a uno (o probabilmente più) post successivi.
      Tra l'altro questo è il mio metodo e la mia to-do list si allunga sempre di più. (OK, pessima battuta!).
      Inoltre non è che ci sono scadenze vincolanti; puoi postare con calma, quando sei pronto.
      Non prenderla come una critica, è solo un suggerimento. Anche perché funziona, almeno finché lo vedi come un divertimento e non una lotta contro il resto del Web.

      Elimina
    2. Effettivamente ci si sarebbe potuto tirare fuori un post (ragionandoci con più calma). E' che non mi piace non rispondere a chi commenta e quindi... rispondo; poi magari mi prende la mano e le risposte si allungano. Terrò presente il tuo suggerimento per eventuali altre occasioni.
      Non ho invece capito cosa intendi con: "Anche perché funziona, almeno finché lo vedi come un divertimento e non una lotta contro il resto del Web".
      Io intervengo (con post o commenti) quando ne ho voglia e mi diverto nel farlo e non ho nessuna lotta in sospeso o in corso con nessuno (almeno che io sappia). Ho capito male o mi manca qualche pezzo?

      Elimina
    3. Hai capito benissimo, il blog dev'essere una cosa divertente per chi scrive (post e commenti) e per chi legge (idem).

      Elimina
  5. Se non ti diverte perché lo fai? (Accidenti, non ho il tasto per il punto interrogativo all'incontrario). Comunque Marco rockz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ¡Se usaste un SO (sistema operativo) decente!
      ¿èh?

      Elimina
    2. Grazie Pop.
      Per gli amici di Windows ¿ (alt + 0191)

      Elimina
    3. per gli altri Alt+Maiusc+?

      Elimina
    4. naturalmente l'Alt è quello di centrodestra; mica vogliamo avere a che fare con la sinistra illiberale invidiosa del Silvio.

      Elimina
  6. Devo pper forza mettere un punto interrogativo alla rovescio quando faccio una domanda alla spagnola, o posso continuare a usare l'uso l'italiano? Semanticamente parlando, dico...

    RispondiElimina